Pehtutova spominska plošča
Mojca Mežek
05. 10. 2020

La storia di un uomo che ha detto NO!

Riviviamo il ricordo di un uomo che ha osato opporsi alle autorità!

Nei tempi in cui viviamo, esprimere la propria opinione è una cosa ovvia, la libertà di parola è un diritto umano fondamentale e raramente qualcuno è responsabile delle proprie parole. All’inizio del secolo scorso, però, non era così, inoltre alcuni, a causa delle critiche pubbliche dell’imperatore, stavano prendendo vita.

Tra le altre cose, Ivan (Janez) Brence, secondo il nativo Pehtut.

Il contadino, commerciante e proprietario terriero di Dovje era considerato uno sloveno coscienzioso e un critico schietto dell’imperatore Francesco Giuseppe e delle sue decisioni.

Nell’agosto 1915, su ordine di un servitore municipale, un figlio quattordicenne della guardia ferroviaria Franc Babič venne a Brencet con l’ordine che il contadino consegnasse i suoi due buoi e un carro per le necessità militari.

Brence era furioso e in un impeto di rabbia il piccolo brulicò di parole taglienti rivolte all’imperatore, dicendo che avrebbe dovuto dire al suo imperatore che se voleva “combattere l’imperatore, avrebbe dovuto mandare i suoi carri e il suo bestiame al fronte”.

L’insulto dell’imperatore lo portò davanti a un tribunale militare, dove fu condannato a morte da testimoni che difendevano Brence.

Il 24 agosto, Brence è stato portato al poligono di tiro militare di Suhi bajer sotto Golovec a Lubiana.

Cinque anni dopo, hanno iniziato a raccogliere dati a Lubiana su ventitré vittime che sono state uccise a Suhi Bajer. Con questo, Brence è venuto alla coscienza degli sloveni come una vittima innocente e martire della “monarchia giallo-nera”, come era il termine dispregiativo per la monarchia austroungarica.

Nel 1920, le tre figlie di Brencet chiesero un nuovo processo, in cui fu prosciolto da tutte le accuse da un tribunale provinciale superiore per errori nei procedimenti giudiziari militari e discutibile credibilità dei testimoni.

La mattina del 4 ottobre 1921, le spoglie di Brencet furono riesumate da Suhi bajer e nel pomeriggio, in una solenne processione e al suono delle campane, furono accompagnate in massa nel loro cammino attraverso Lubiana fino alla stazione. I resti sono stati trasportati in treno a Dovje, dove Jakob Aljaž ha parlato alla tomba il giorno successivo.
Nell’agosto 2003, una targa commemorativa è stata eretta a casa di Brencet per commemorare la sua postura eretta e la sua determinazione.

Commenti (0)

Commenti

Scrivi un commento

Leggi altre storie

Storie

Le fiabe vivono ancora qui, di cui si possono trovare tracce ad ogni angolo.

Tutte le storie
Luoghi magici di Kranjska Gora

Luoghi magici di Kranjska Gora

Una passeggiata attraverso quattro luoghi magici nella destinazione Kranjska Gora, dove la tradizione del passato si intreccia con il presente.

Meta Hrovat:

Meta Hrovat: "Sono contento che la vita mi abbia portato dove sono ora"!

Una donna locale di Podkoren e la sciatrice alpina slovena Meta Hrovat parla apertamente dei cambiamenti durante l'epidemia, del ritmo competitivo, dei preparativi per nuove competizioni e di se stessa e della sua vita di sciatrice di alto livello.

9 modi per visitare Kranjska Gora durante un'epidemia

9 modi per visitare Kranjska Gora durante un'epidemia

Per non perderti troppo Kranjska Gora durante l'epidemia, ti offriamo 9 idee su come sentirti in vacanza nei nostri luoghi sotto il Triglav.

5 idee su cosa fare a Kranjska Gora quando piove

5 idee su cosa fare a Kranjska Gora quando piove

5 consigli su cosa fare in caso di maltempo a Kranjska Gora.

Una vocazione che ha cambiato per sempre la vita a Kranjska Gora

"Uniamoci e lavoriamo insieme per la prosperità di Kranjska Gora, per elevare e migliorare il traffico, per abbellire il luogo e per facilitare la comunicazione con gli stranieri!"

Quando la morte bianca taglia

Quando la morte bianca taglia

Le valanghe si sono spesso verificate nella zona di Mojstrovka e altre cime che si innalzano sopra Vršiška cesta durante le abbondanti nevicate.

Un viaggiatore del mondo incantato dall'Alta Valle della Sava

Un viaggiatore del mondo incantato dall'Alta Valle della Sava

"Non so niente di più bello d'Europa!"

Hit estiva: sentiero escursionistico Juliana Trail

Hit estiva: sentiero escursionistico Juliana Trail

A rispettosa distanza e ai piedi dell'Očak, il sentiero vi condurrà lungo il confine delle Alpi Giulie e del Parco nazionale del Triglav.

Approfittate della giornata in montagna: piaceri della roccia in un idilliaco villaggio sotto il Triglav

Approfittare della giornata per la montagna non è mai una cattiva decisione.

Trova un alloggio

Alloggio
Campeggi
Campeggi
Alberghi
Alberghi
Appartamenti
Appartamenti
Ostelli
Ostelli
Agroturismi
Agroturismi

Che cosa sta cercando?

Cerca