kranjska sivka
Mojca Mežek
20. 05. 2021

Giornata mondiale delle api e un’area picnic per le api

La quarta giornata mondiale delle api si svolge quest'anno alla luce di un appello speciale a non falciare aree pubbliche e prati intorno alle case a causa del gelo, che ha gravemente colpito gli alberi da frutto. Anche la destinazione Kranjska Gora si è unita a questo appello.

In Slovenia, l’apicoltura ha una lunga tradizione ed è una delle industrie più importanti. Il paese con una popolazione di poco più di 2 milioni ha 11.000 apicoltori registrati, quindi non sorprende che l’iniziativa per celebrare la Giornata mondiale di questo proverbiale animale diligente sia arrivata dalla Slovenia. Il processo è stato lungo, ma il presidente dell’Associazione slovena degli apicoltori, padre dell’idea della Giornata mondiale delle api, ha sottolineato con forza in tutte le interviste che nessuno Stato o organizzazione non ha appoggiato questa nobile proposta. Così, il 20 dicembre di quest’anno, saranno passati quattro anni dalla solenne proclamazione del 20 maggio come Giornata mondiale delle api.

Perché il 20 maggio? In questo giorno del 1734 nacque Anton Janša, apicoltore sloveno, pioniere dell’apicoltura moderna e uno dei massimi esperti di api. Era conosciuto come uno dei massimi esperti di api nel XVIII secolo.

Anton Janša di Breznica nella regione della Gorenjska ha dimostrato la sua conoscenza dell’apicoltura e dell’ape della Carniola già durante il periodo dell’Austria imperiale. Il suo “Dibattito sulla nascita delle api” del 1771 è considerato un lavoro pionieristico nel campo dell’apicoltura in tutto il mondo. È stato persino apprezzato dall’imperatrice Maria Teresa. Ha prescritto l’apicoltura per l’intero impero secondo le istruzioni di un maestro sloveno. La Giornata mondiale delle api viene celebrata a maggio per un altro motivo, poiché durante questo mese si svolge il rigoglioso sviluppo delle api e della natura nell’emisfero settentrionale.

La Giornata mondiale delle api è diventata un movimento globale per le api e gli impollinatori. Secondo Boštjan Noč, il mondo sta gareggiando in questo giorno per celebrare questo giorno in modo più innovativo. È lieto di aggiungere che con la proclamazione del 20 maggio come Giornata mondiale delle api, la Slovenia è diventata fortemente riconoscibile in tutto il mondo come destinazione dell’apicoltura, e per questo la visibilità della Slovenia si sta rafforzando e si stanno sviluppando boutique e turismo verde. Nel turismo dell’apicoltura, il presidente dell’Associazione slovena degli apicoltori Noč vede anche un’opportunità per lo sviluppo del turismo sloveno, poiché i nostri alveari con estensioni dipinte e alveari sono un simbolo riconoscibile della Slovenia. Con lo sviluppo dell’apiturismo, potremmo aggiornare la già diversificata offerta di turismo d’esperienza.

tieni le api

L’apicoltura è da secoli un’importante attività economica a Kranjska Gora

Se nel XVIII secolo Breznica in Gorenjska aveva Anton Janša, un buon secolo dopo avevamo l’apicoltore Mihael Ambrožič a Mojstrana. Con il suo lavoro e le sue conoscenze, ha contribuito molto nel campo della conoscenza dell’ape della Carniola e dell’espansione dei suoi alveari in tutto il mondo.

Anche grazie a lui la razza Kranjska Sivka si è molto diffusa in tutto il mondo, commerciando prima con gli apicoltori circostanti, e successivamente anche con gli apicoltori dall’estero. In tal modo, ha fornito sia la competenza, sia un alveare e altri strumenti per l’apicoltura, che ha realizzato nel suo laboratorio, dove è stato creato un cosiddetto alveare sdraiato, che è stato utilizzato per trasportare le api su lunghe distanze.

Durante il commercio attivo della lavanda della Carniola, ha esportato decine di migliaia di alveari nella maggior parte dei continenti di questo mondo. Ha ricevuto più di 140 premi e decorazioni per il suo lavoro, il primo all’Esposizione Universale di Vienna nel 1873.

La casa di Mihael Ambrožič
La casa di mihael Ambrožič a Mojstrana

Alveari, api e alveari possono essere trovati a destinazione ad ogni turno. A Rateče – Carniola Siberia, come la chiamava Josip Lavtižar, si è formata una forma speciale di “apicoltura estrema” a causa del microclima speciale che prevale nel villaggio. Questo inverno in particolare è stato molto generoso con neve e basse temperature, e il colpo finale alle api è stato contribuito da un forte fronte freddo che ha colpito poco meno di un mese fa quando il gelo ha distrutto la maggior parte dei fiori dell’albero da frutto. Pertanto, la principale fonte di cibo per le api saranno i fiori di campo nelle aree pubbliche, ampi prati e prati intorno alle case. La Camera dell’agricoltura e delle foreste ha quindi fatto appello a non falciare aree pubbliche e prati, ma quest’ultima ha anche sottolineato che sui terreni agricoli sono presenti foraggi per animali e che è necessario falciarli affinché il foraggio sia di buona qualità.

Psnak Janko
L'apicoltore Janko Psnak, sullo sfondo un alveare con alveari dipinti che mostrano la storia del villaggio di Zgornja Radovna.
Toni Zupančič
Toni Zupančič, apicoltore di Rateče
AŽ panj
Kranjska Sivka nella "Kranjska Siberia".

Apis mellifera Carnica è il nome latino di Kranjska Sivka, che ha origine dalla Slovenia ed è la seconda più diffusa al mondo, mentre in Europa è la razza di api leader. È considerata la più diligente tra le api, poiché è molto frugale con il cibo in inverno e in media dieci giorni in più rispetto alle altre api in estate.

L’ape è così apprezzata nel nostro paese che, a differenza di altri animali, non muore, ma muore. Fin dai tempi in cui i nostri antenati cercavano gli alveari delle api selvatiche nei tronchi degli alberi con un’ascia in mano, resta il detto che quando ci accade qualcosa di buono, l’ascia cade nel nostro miele.

Tipiche della Gorenjska e della Carinzia slovena sono le assi dipinte che chiudono l’alveare, realizzate a partire dal XVIII secolo. Si sono diffusi in tutta la Slovenia. Circa 50.000 diversi motivi religiosi, secolari e fantasiosi adornavano gli alveari di vari apicoltori e le estensioni degli alveari divennero una specialità slovena.

čebelarska učna pot
A Rateče si può fare una passeggiata lungo il sentiero didattico dell'apicoltura.

“Ogni fiore di tarassaco conterà quest’anno”

Anche la destinazione Kranjska Gora ha risposto a questo appello, quindi durante la passeggiata incontrerete dei simpatici cartelli a forma di ape, che informano i visitatori della destinazione e i turisti che non abbiamo falciato i prati perché “le api fanno il picnic”.

Cartelli simpatici sono stati posti in cinque diversi punti della destinazione, su un prato accanto al Museo sloveno della montagna, lungo il Sentiero romantico, che costeggia il fiume Pišnica, su un prato davanti alla caserma dei pompieri di Podkoren, un prato lungo la strada che porta a Korenski Sedlo e Podkoren.

Come ognuno di noi può aiutare le api

Possiamo anche prenderci cura della conservazione delle api piantando piante di miele sui nostri balconi, davanzali, giardini, campi o nelle aree pubbliche. Le piante di miele includono spezie e condimenti come menta piperita, valeriana, salvia e buon pensiero. Possiamo anche piantare alberi di miele come il tiglio, il ciliegio selvatico, il nocciolo e fiori come la fragola americana, che è estremamente curativa. Piantando queste piante, aiutiamo le api e altri impollinatori e ci prendiamo cura anche della nostra salute e del nostro benessere.

“Quando un’ape scompare dalla faccia della Terra, l’uomo sopravviverà solo altri quattro anni; perché quando non ci sono più api, non più impollinazione, non più piante, non più animali, non più persone ”.

Albert Einstein

Area pic-nic delle api
Abbiamo anche aderito all'appello della Camera delle foreste e dell'agricoltura del Tourism Kranjska Gora.

Fonti:

Logo Preserviamo le api: Associazione degli apicoltori della Slovenia

Testo: Sito web dell’Associazione degli apicoltori della Slovenia, Biografia slovena, Marjan Papež (facebook)

Commenti (0)

Commenti

Scrivi un commento

Leggi altre storie

Storie

Le fiabe vivono ancora qui, di cui si possono trovare tracce ad ogni angolo.

Tutte le storie
5 motivi per cui Kranjska Gora dovrebbe essere sulla vostra lista dei luoghi da vedere nel 2021

5 motivi per cui Kranjska Gora dovrebbe essere sulla vostra lista dei luoghi da vedere nel 2021

Kranjska Gora è uno spettacolo da vedere in qualsiasi momento dell'anno. Dal fogliame autunnale ai verdi pascoli primaverili e al sole estivo che fa capolino tra gli alberi..

Luoghi magici di Kranjska Gora

Luoghi magici di Kranjska Gora

Una passeggiata attraverso quattro luoghi magici nella destinazione Kranjska Gora, dove la tradizione del passato si intreccia con il presente.

Meta Hrovat:

Meta Hrovat: "Sono contento che la vita mi abbia portato dove sono ora"!

Una donna locale di Podkoren e la sciatrice alpina slovena Meta Hrovat parla apertamente dei cambiamenti durante l'epidemia, del ritmo competitivo, dei preparativi per nuove competizioni e di se stessa e della sua vita di sciatrice di alto livello.

9 modi per visitare Kranjska Gora durante un'epidemia

9 modi per visitare Kranjska Gora durante un'epidemia

Per non perderti troppo Kranjska Gora durante l'epidemia, ti offriamo 9 idee su come sentirti in vacanza nei nostri luoghi sotto il Triglav.

5 idee su cosa fare a Kranjska Gora quando piove

5 idee su cosa fare a Kranjska Gora quando piove

5 consigli su cosa fare in caso di maltempo a Kranjska Gora.

Una vocazione che ha cambiato per sempre la vita a Kranjska Gora

"Uniamoci e lavoriamo insieme per la prosperità di Kranjska Gora, per elevare e migliorare il traffico, per abbellire il luogo e per facilitare la comunicazione con gli stranieri!"

Quando la morte bianca taglia

Quando la morte bianca taglia

Le valanghe si sono spesso verificate nella zona di Mojstrovka e altre cime che si innalzano sopra Vršiška cesta durante le abbondanti nevicate.

Un viaggiatore del mondo incantato dall'Alta Valle della Sava

Un viaggiatore del mondo incantato dall'Alta Valle della Sava

"Non so niente di più bello d'Europa!"

Hit estiva: sentiero escursionistico Juliana Trail

Hit estiva: sentiero escursionistico Juliana Trail

A rispettosa distanza e ai piedi dell'Očak, il sentiero vi condurrà lungo il confine delle Alpi Giulie e del Parco nazionale del Triglav.

Trova un alloggio

Alloggio
Campeggi
Campeggi
Alberghi
Alberghi
Appartamenti
Appartamenti
Ostelli
Ostelli
Agroturismi
Agroturismi

Che cosa sta cercando?

Cerca