Juliana SkiTour

Nuovo prodotto invernale: il Juliana Skitour, una spedizione di scialpinismo di quattro giorni nelle Alpi Giulie.

Lo Juliana Skitour è una spedizione scialpinistica di quattro giorni nelle Alpi Giulie e non è un collegamento continuo di lunga distanza come lo Juliana Bike e lo Juliana Trail, ma una combinazione di quattro diversi tour sciistici.

La somma di questi, insieme ai trasferimenti, ci permette di vivere un’avventura sciistica attraverso l’intera area delle Alpi Giulie, da Kranjska Gora a nord a Tolmin a sud. Si può fare anche nella direzione opposta.

Ognuna delle quattro tappe è proposta in due versioni per facilitare l’adattamento alle effettive condizioni invernali al momento della partenza.

L’idea di base del tour è quella di un viaggio di sci alpinismo, in cui non dobbiamo dormire in freddi bivacchi in montagna, ma tornare a valle ogni giorno per una doccia calda, un letto normale e una cena decente. Questo rende una straordinaria avventura invernale più accessibile a una più ampia gamma di visitatori della montagna invernale, compresi i meno esperti di sci alpinismo, se partono con una guida qualificata.

IL TURISMO RESPONSABILE È LA NOSTRA SCELTA.

È possibile sciare sulle montagne innevate senza impianti di risalita e piste artificiali, che troppo spesso hanno un impatto irreversibile sull’ambiente. La Comunità delle Alpi Giulie ritiene che la Via Verde ci aiuterà a proteggere e a conservare gli eccezionali valori naturali e culturali di questo fragile ambiente e a mostrarli ai nostri visitatori nel modo giusto.

Gran parte delle Alpi Giulie è anche un’area protetta del Parco Nazionale del Triglav. L’obiettivo del parco è quello di preservare un tesoro di ricchezze naturali e di patrimonio culturale per i posteri, e ci sono regole di comportamento che siamo tenuti a rispettare. Anche la maggior parte dello Juliana SkiTour si svolge nel parco.

I percorsi descritti evitano il più possibile le zone tranquille di cui gli animali del parco hanno bisogno per sopravvivere all’inverno. Non entriamo nelle zone tranquille per non disturbare inutilmente gli animali. Abbiamo il dovere di attenerci ai corridoi descritti e di fare del nostro meglio per preservare le meravigliose creature che abbelliscono il nostro pianeta.

TAPPE DELLO JULIANA SKITOUR

Per molti lo scialpinismo è il modo più bello per conoscere e vivere il favoloso mondo invernale in montagna. La salita con gli sci attraverso il paesaggio invernale innevato è incredibilmente più facile ed elegante che camminare. Sciare dall’incontaminata vetta invernale è un’esperienza completamente diversa e molto più potente rispetto allo sci in funivia. Con gli sci possiamo andare in luoghi che altrimenti sarebbero per noi in gran parte inaccessibili, e se durante la discesa incontriamo una soffice nebbia o un fortunato perdonato, l’esperienza ricaricherà le nostre batterie nella vita di tutti i giorni per molto tempo.

Oltre all’attrezzatura da sci – sci, attacchi e scarpe adeguati, cani fortunati e cani da scalata – ogni tour richiede anche attrezzatura da alpinismo invernale completa, abbigliamento adeguato, piccozza e ramponi, poiché non possiamo mai sapere in anticipo quali condizioni incontreremo sulla pista strada. Poiché l’aiuto fraterno è la cosa più importante in caso di incidente, un trio da valanga è sempre una parte obbligatoria dell’attrezzatura: un segnalatore da valanga, una sonda da valanga e una pala da neve.

FASE 1: KRNICA – POD KRIŠKO STENO – KRNICA (195O m ~ 9,8 km)

Il tour di sci alpino Sotto il muro di Kriška è una scelta di sci facile in un ambiente maestoso, adatto come introduzione allo SkiTour Juliana. Il percorso segue la valle di Krnica, profonda tra le ripide pareti di Prisojnik e Razor da un lato e Škrlatica, Rakova špica e Dovški Gamsovec dall’altro. Si sale oltre il rifugio Krnica e si prosegue tra boschi di faggio e larici sempre più radi fino ai pendii aperti sotto la parete Krnica. La Ledeniška krnica, dove termina la valle, è il punto più alto raggiungibile con gli sci. Il rientro avviene in qualsiasi modo, di solito sul lato est della valle.

FASE 1A: PLANICA–KOTOVO SEDLO–PLANICA (23OO m ~ 16,4 km)

Lo Kotovo sedlo è già un tour sciistico ambizioso. Sciamo dal basso dello Jalovec, una delle cime più belle delle Alpi Giulie, su cui campeggia l’emblema dell’Associazione alpinistica slovena. Il tour inizia nel centro nordico di Planica, famoso in tutto il mondo, prosegue lungo la valle del Tamar, passando per il rifugio e proseguendo sotto le drammatiche pareti di Travnik e Šit, l’eldorado degli scalatori sloveni. Sotto l’inconfondibile recinto di Jalovec, si svolta sui vasti pendii del versante orientale e si prosegue fino al punto più lontano della cresta ancora raggiungibile con gli sci. Tornare indietro con gli sci lungo la direzione di salita. La discesa è agevole, tranne che nelle strettoie sotto Šitama, c’è abbastanza spazio per scegliere le piste più belle.

FASE 2: VRŠIČ–NAD ŠITOM GLAVA–VRŠIČ (2O87 m ~ 2,9 km)

Una pista da sci alpinismo più breve, ma bella e panoramica, sopra Vršič, ingiustamente trascurata rispetto alla vicina Mala Mojstrovka. La maggior parte dei visitatori che attraversano il Passo di Vršič non notano nemmeno il capo sopra Šit, accanto alla tentacolare Mojstrovka e all’imponente Prisojnik. La salita e lo sci dalla vetta sono un’avventura escursionistica e sciistica relativamente breve, ma contengono tutti gli elementi di una vera esperienza di alta montagna: una salita relativamente ripida, un ambiente serio che richiede prudenza e una vista spettacolare dalla vetta. Da Vršič, saliamo prima ripidamente sotto la cresta della Mojstrovka, poi su pendii leggermente più ripidi a destra fino alla nostra cima. La pendenza significativa rende la discesa una vera delizia per gli sciatori in condizioni decenti.

FASE 2A: VRŠIČ–VELIKA MOJSTROVKA–VRŠIČ (2366 m ~ 7,5 km)

Abstammung vom Mojstrovka è un classico dello sci alpinismo sloveno che dovrebbe essere sulla lista dei desideri di ogni visitatore delle montagne invernali. Dal passo di Vršič si sale a Vratca – il capolinea di Grebenec. Seguire la cresta per circa 1OO m e poi svoltare a sinistra attraverso la valle che divide la Mala dalla Velika Mojstrovka. Sull’altro versante della valle, si prosegue lungo i bellissimi passaggi, sotto un evidente strapiombo nella parte alta del pendio, fino alla cima del belvedere. Sciare la parte superiore in direzione di salita, poi, invece di tornare a Grebenec, continuare a scendere sul lato destro della valle fino a Drevesnica – mantenendo il bordo destro della valle per ridurre al minimo il disturbo ai camosci che vivono nella zona. Da Drevesnica alla strada vršiška la passeggiata è breve e la risalita al passo richiede poco meno di mezz’ora.

FASE 3: LEPENA–LANŽEVICA–SAVICA (2OO3 m ~ 21,1 km)

Il collegamento con lo sci di fondo da Lepena via Lanževica a Bohinj è un vero e proprio viaggio invernale nel cuore delle Alpi Giulie. Da Lepen si segue il vecchio mulattiere fino al monte Duplje. Il lago Krn, che di solito dorme sotto una coltre di ghiaccio e neve fino a maggio, è a qualche minuto di distanza, ma vale la pena di sacrificarsi per vederlo. Continuiamo a risalire la valle passando per Montura, per le rovine della caserma italiana e fino alla cima di Lanževica, che regna sulla misteriosa Komna, un paesaggio dalle forme e dalla luce uniche. Una giungla impenetrabile di brughiere in estate, in inverno diventa un paesaggio dalle forme morbide e arrotondate, fatto per sciare piacevolmente. La discesa può essere effettuata in due modi: verso la valle della Grazia o attraverso il Lepa Komna, in entrambi i casi con arrivo al rifugio Bogatino. Proseguite verso la rifugio Komna, sempre accogliente e amichevole, aperta tutto l’anno. Poi, attraverso boschi di faggi, scendiamo verso il fiume Savica e le rive del lago di Bohinj.

FASE 3A: ZADNJICA–KANJAVEC–STARA FUŽINA (2569 m ~ 24,7 km)

Il Kanjavec è la montagna sciistica più alta della Slovenia e questo tour è il più impegnativo del nostro itinerario sciistico attraverso i Monti Julijce, in termini di lunghezza e dislivello. Da Trento, attraverso la drammatica valle di Zadnjica, saliamo sotto la parete nord del Kanjavec, la più alta delle nostre montagne. Continuiamo a salire all’ombra dei precipizi di Vršac, fino a Prehodavci, dove sotto di noi si apre la fiabesca Valle dei Sette Laghi. Tra Poprovec e Vršaci, saliamo ai margini dei tentacolari monti Hribarica e sulla cima del Kanjavac, dove ci troviamo faccia a faccia con il Triglav più alto. In una bella giornata d’inverno, la vista è infinita: le nostre montagne, gli Altipiani, le Dolomiti… – in cima al Kanjavac, il mondo è nel palmo della nostra mano. Si scia sul versante di Bohinj, attorno alla spessa testa del Picco Grasso, fino al misterioso monte V Lazu e poi lungo il sentiero annuale attraverso l’antica foresta di abeti rossi fino al monte Blato. Se le condizioni di innevamento sono favorevoli, si può seguire la strada forestale fino a Stara Fužina, sul bordo del lago di Bohinj.

FASE 4: SKI HOTEL–VOGEL–PLANINA RAZOR (1922 m ~ 11 km)

Il Vogel è una delle cime della catena montuosa Bohinj-Tolmin, che delimita l’intero orizzonte meridionale sopra l’omonima stazione sciistica. L’ascesa è abbastanza facile, in quanto si può comodamente prendere una funivia per raggiungere la vetta di 1535 m. Dalla stazione a monte si va all’Ultimo Vogel e da lì si sale in cima al Vogel. Da qui in poi non ci sono più cime alte davanti a noi e la vista sulle creste sempre più basse si perde nel luccichio del mare Adriatico. Da Vogel si scia verso il versante costiero del monte Razor. Se le condizioni della neve lo permettono, possiamo prendere la mulattiera fino a Tolminske Ravne, se non c’è abbastanza neve, possiamo scendere a piedi.

FASE 4A: SKI HOTEL–RUŠNATI VRH–PL. RAZOR (1915 m ~ 1O,8 km)

Rušnati vrh è un’alternativa al Vogel che può offrire un piccolo assaggio di sci alpino. La salita a Rušnati vrh è inizialmente accessibile anche tramite la funivia che porta allo Ski Hotel. Dall’Ultimo Vogel non si prosegue verso il Vogel, ma verso ovest. Seguire le indicazioni per l’autostrada del Triglav attraverso i boschi di faggio e sopra il confine forestale. Alla prima sella distinta, continuare a salire verso il Planje Peak. Sotto la cima, attraversare a destra sulla cresta e proseguire fino alla cima di Rušnati vrh. Tornare alla sella e scendere sul versante costiero. L’inizio di questa discesa dalla sella è molto ripido, ma l’uscita dai pendii è bellissima. Se la scelta è troppo ripida per noi, possiamo sciare dalla cima del Rušnati vrh al versante di Tolmin in un altro modo: invece di tornare alla sella, si prosegue sulla piccola cresta successiva e si scende. In entrambi i casi, si finisce sul monte Razor. Se le condizioni di innevamento lo permettono, prendiamo la mulattiera e proseguiamo fino a Tolminske Ravne, se non c’è abbastanza neve, scendiamo a piedi.

SICUREZZA SULLE MONTAGNE DI NEVE

In inverno, le montagne sono le più belle, le più primitive e le più impegnative. I rifugi sono chiusi, i sentieri sono nascosti sotto la neve, le valli abitate sono lontane e la conoscenza preliminare del mondo della montagna invernale è essenziale.

Il Juliana SkiTour è un viaggio di scialpinismo pensato per alpinisti esperti e in forma fisica e sciistica. Gli sciatori turistici senza sufficiente esperienza non dovrebbero mai avventurarsi da soli in questo mondo impegnativo. Dovrebbero assumere una delle guide alpine o alpinistiche autorizzate che li trasporterà in sicurezza alla destinazione desiderata.

In caso di maltempo e di condizioni di neve instabili, non tentare il percorso. Seguite e rispettate i rapporti sul manto nevoso e sul pericolo di valanghe su http://vreme.arso.gov.si/plazovi.

In caso di incidente, chiamare il 112.

Storie di Kranjska Gora

Storie

Le fiabe vivono ancora qui, di cui si possono trovare tracce ad ogni angolo.

Tutte le storie
5 cose da non perdere a Kranjska Gora, colorata d'autunno

5 cose da non perdere a Kranjska Gora, colorata d'autunno

Le giornate si accorciano e le notti si allungano. Siamo già entrati in autunno, con le cime delle montagne più alte già coperte di neve e le temperature mattutine nelle valli che scendono già sotto lo zero. Abbiamo raccolto alcune delle cose che potete fare in autunno nella vostra destinazione.

Giornata mondiale delle api e un'area picnic per le api

Giornata mondiale delle api e un'area picnic per le api

La quarta giornata mondiale delle api si svolge quest'anno alla luce di un appello speciale a non falciare aree pubbliche e prati intorno alle case a causa del gelo, che ha gravemente colpito gli alberi da frutto. Anche la destinazione Kranjska Gora si è unita a questo appello.

5 idee su cosa fare a Kranjska Gora quando piove

5 idee su cosa fare a Kranjska Gora quando piove

5 consigli su cosa fare in caso di maltempo a Kranjska Gora.

Una vocazione che ha cambiato per sempre la vita a Kranjska Gora

Una vocazione che ha cambiato per sempre la vita a Kranjska Gora

"Uniamoci e lavoriamo insieme per la prosperità di Kranjska Gora, per elevare e migliorare il traffico, per abbellire il luogo e per facilitare la comunicazione con gli stranieri!"

Meta Hrovat:

Meta Hrovat: "Sono contento che la vita mi abbia portato dove sono ora"!

Una donna locale di Podkoren e la sciatrice alpina slovena Meta Hrovat parla apertamente dei cambiamenti durante l'epidemia, del ritmo competitivo, dei preparativi per nuove competizioni e di se stessa e della sua vita di sciatrice di alto livello.

9 modi per visitare Kranjska Gora durante un'epidemia

9 modi per visitare Kranjska Gora durante un'epidemia

Per non perderti troppo Kranjska Gora durante l'epidemia, ti offriamo 9 idee su come sentirti in vacanza nei nostri luoghi sotto il Triglav.

Approfittate della giornata in montagna: piaceri della roccia in un idilliaco villaggio sotto il Triglav

Approfittate della giornata in montagna: piaceri della roccia in un idilliaco villaggio sotto il Triglav

Approfittare della giornata per la montagna non è mai una cattiva decisione.

Quando la morte bianca taglia

Quando la morte bianca taglia

Le valanghe si sono spesso verificate nella zona di Mojstrovka e altre cime che si innalzano sopra Vršiška cesta durante le abbondanti nevicate.

Un viaggiatore del mondo incantato dall'Alta Valle della Sava

Un viaggiatore del mondo incantato dall'Alta Valle della Sava

"Non so niente di più bello d'Europa!"

Hit estiva: sentiero escursionistico Juliana Trail

Hit estiva: sentiero escursionistico Juliana Trail

A rispettosa distanza e ai piedi dell'Očak, il sentiero vi condurrà lungo il confine delle Alpi Giulie e del Parco nazionale del Triglav.

Trova un alloggio

Alloggio
Campeggi
Campeggi
Alberghi
Alberghi
Appartamenti
Appartamenti
Ostelli
Ostelli
Agroturismi
Agroturismi

Che cosa sta cercando?

Cerca